Mary Elizabeth Attiani

Cartadicreditoconfronto aiuta gli utenti a prendere decisioni in merito alle proprie finanze. Per fare ciò, proponiamo le carte di banche ed istituti finanziari che sono spesso nostri clienti. Nonostante ciò, le nostre recensioni sono obiettive.

La Carta Hype Start è una carta conto che opera sul circuito Mastercard. Si tratta di un tipo di prepagata, richiedibile online in pochi minuti; è adatta anche ai più giovani, in quanto basta avere almeno 12 anni di età per ottenerla ed è gratuita, rispetto a Hype Plus che prevede, invece, un canone annuo.

La ricarica massima annuale è di 2.500 euro ed una volta effettuata la registrazione si ottiene uno sconto sulla prima ricarica di 10 euro; inoltre prevede rimborsi al massimo del 10 % su acquisti effettuati presso negozi partner.

Si gestisce comodamente tramite un'applicazione scaricabile sullo smartphone con cui vengono anche gestite e monitorate tutte le operazioni.

Essendo una carta collegata ad un iban permette anche di ricevere bonifici, effettuare prelievi e pagamenti oppure riceverli in tutto il mondo, ma anche pagare le utenze.

Può essere interessante per tutti coloro che vogliono avere una carta con i vantaggi di un conto, ma senza doversi recare in filiale per aprirlo.

Offerta:

10 euro di sconto sulla prima ricarica effettuata dopo la registrazione.

Vantaggi principali 

  • Carta con iban
  • Canone gratuito
  • Richiedibile dai 12 anni
  • Carta conto gestibile con applicazione

Caratteristiche


Attivazione carta0,- €
Canone annuo0,- €
Carta supplementare-
Plafond mensile2.500,- € (all'anno)
Tipo di cartaMastercard
Commissione prelievo3,00 % (gratis eurozona)
Tasso di cambio3,00 % (gratis eurozona)
EmittenteBanca Sella

» Vai al sito internet!


>Scopri subito Hype Start!


Importante sapere

Hype, è una banca digitale, parte del Gruppo Sella, che nasce nel 2015, gestibile con un'applicazione scaricabile su smartphone, offre servizi innovativi.
Hype ha già al suo attivo più di 1 milione di clienti.

È sicuro?

Hype è protetta dal Fondo interbancario di tutela dei depositi, con rimborso fino a 100.000 euro in caso di liquidazione coatta della banca.